Home Page SEPA
Home page
  Il Piano Nazionale di Migrazione alla SEPA

Il Piano Nazionale di Migrazione, predisposto attraverso l'interazione degli stakeholder di riferimento (Pubblica Amministrazione, Imprese, Esercenti, Consumatori), rappresenta il posizionamento del sistema italiano in merito alla realizzazione della SEPA.

Il Piano Nazionale di Migrazione è periodicamente aggiornato al fine di descrivere in maniera più puntuale le attività che, sia il sistema bancario che i diversi stakeholder, dovranno portare a compimento per completare la migrazione ai nuovi strumenti SEPA. L'obiettivo primario rimane non solo quello di incentivare l'offerta e l'utilizzo dei nuovi strumenti SEPA, ma anche quello di sviluppare appieno le potenzialità del mercato unico dei pagamenti, offrendo servizi innovati e portando nel nuovo contesto europeo funzionalità nazionali particolarmente avanzate, capaci di soddisfare adeguatamente le molteplici esigenze degli utilizzatori finali nazionali e SEPA.

Una prima versione del Piano Nazionale di Migrazione è stata approvata dal Comitato Nazionale il 4 maggio 2007.

A settembre 2013, il Comitato Nazionale ha approvato l'aggiornamento del Piano Nazionale di Migrazione. Questo Piano descrive l'andamento del processo di migrazione in Italia, fornendo un aggiornamento sia sul livello di utilizzo degli strumenti di pagamento SEPA da parte della clientela sia sullo stato di avanzamento delle attività dell'Industria Bancaria italiana, anche con riferimento all'offerta di servizi opzionali aggiuntivi (Additional Optional Service - AOS) da affiancare all'offerta degli Schemi base SEPA.