Home Page SEPA
Home page
  Dall'euro alla SEPA

Dall'istituzione della ComunitÓ economica europea, il cammino verso un mercato finanziario europeo maggiormente integrato Ŕ stato segnato da diversi eventi, tra i quali assume particolare rilievo l'introduzione della moneta unica nel 1999 e, in particolare, nel 2002 la sostituzione del contante nei paesi dell'area dell'euro. Il progetto SEPA rappresenta il prossimo grande passo verso una maggiore integrazione europea fortemente voluta sia dalla Commissione Europea che dall'Eurosistema. Nel 2002 il settore bancario ha fatto suo questo impegnativo progetto dando vita al Consiglio Europeo per i Pagamenti (European Payments Council - EPC), l'organo decisionale e di coordinamento dell'industria bancaria europea in materia di pagamenti. Quell'anno un gruppo di 42 banche, tre associazioni europee del settore creditizio (European Credit Sector Association - ECSA), alcune associazioni bancarie nazionali, tra cui l'ABI e la Euro Banking Association (EBA) si sono riunite e, al termine di lavori serrati, hanno emanato il cosiddetto 'libro bianco' sulla SEPA, contenente la seguente dichiarazione (successivamente integrata nello Statuto dell'EPC):

'Noi, banche europee e associazioni del settore creditizio:

  • condividiamo l'idea che i pagamenti effettuati nell'area dell'euro sono da considerarsi pagamenti domestici,
  • uniamo le forze per sostanziare questa nostra visione, a vantaggio dei clienti, delle imprese e delle banche in Europa
  • diamo avvio all'area unica dei pagamenti.'

Dal quel momento in poi, l'EPC (che attualmente raggruppa 69 membri), con il supporto delle diverse comunitÓ bancarie e dei principali stakeholder (pubbliche amministrazioni, imprese, consumatori), si Ŕ completamente dedicato alla pianificazione della SEPA, all'elaborazione dei nuovi strumenti di pagamento paneuropei ed attualmente alla gestione ed evoluzione degli stessi.

Cosa Ŕ la SEPA